ANALISI 

Dopo Grillo il non voto sconfigge Renzi

Amministrative secondo turno - balzo in avanti del Centro-destra. Ma il primo vincitore è l'astensionismo

Parole chiave: amministrative (13), 2017 (3), ballottaggio (5)
Dopo Grillo il non voto sconfigge Renzi

Matteo Renzi come Beppe Grillo: «fermato» nella sua corsa al voto amministrativo che ha visto la rinascita della coalizione del centro-destra, vittoriosa in 16 capoluoghi su 25, in un quadro istituzionale preoccupante per le dimensioni drammatiche dell’astensionismo: il 54% degli elettori non è andato alle urne.

Il non-voto condiziona il giudizio generale sulla consultazione, anche perché alle politiche si è registrata sinora una partecipazione non inferiore al 70%. Questo aggrava il «flop» di Grillo e Renzi, con pochi elettori, e lascia incertezza sullo stesso successo del centro-destra, perché a livello nazionale Berlusconi e Salvini sono su sponde opposte: con l’Europa Forza Italia (il presidente del Parlamento europeo on. Tajani è un «azzurro»), contro Bruxelles la Lega, alleata con Marine Le Pen.

Le amministrative e i più recenti sondaggi rendono sempre più inquietante la scadenza delle prossime «politiche»: un Parlamento senza maggioranza per la frammentazione politica ed il previsto ritorno al sistema elettorale proporzionale. Rischiamo, nella prossima primavera, una situazione «spagnola», divenendo il «malato» politico dell’Ue.

Il centro-sinistra paga la rottura tra Renzi e Bersani, ma i due leader continuano come «fratelli-coltelli»,  dimenticando il dovere della governabilità; Renzi non vuole «aperture» a sinistra, ove intanto l’ex sindaco di Milano, Pisapia, sta preparando una lista alternativa, cui i sondaggi attribuiscono un valore possibile del 10% (con la riduzione del Pd al 25%); avremmo una «guerra fratricida», come in Francia, a favore del centro-destra; come ha scritto Marcello Sorgi su «La Stampa», sarebbe la fine politica della stagione del centro-sinistra.

Ma Renzi non ha alternative neppure nell’ipotesi di un’intesa post-elettorale con Berlusconi, valutato intorno al 15%.

Prima di una nuova sconfitta, dopo il referendum e le amministrative, il Pd (e non solo Renzi) dovrebbero criticamente analizzare le prospettive politiche della prossima legislatura, avendo a cuore il «bene comune», prima degli interessi personali di leadership, non abbandonando il buon lavoro del Cireneo Gentiloni, che potrebbe essere un punto di incontro fra Renzi e Pisapia.

Il centro-destra, per governare Roma, dovrebbe risolvere i contrasti politici seri tra Forza Italia e Lega, ma, nel contempo, dovrebbe dare una dimensione solida al risultato amministrativo, perché i sondaggi attuali lo inchiodano ad un insufficiente 33% (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia; lo stesso Berlusconi è  dubbioso su un’alleanza politica con Salvini; due soli esempi: il diverso giudizio sul decreto governativo salva-banche e l’opposizione radicale della Lega allo Ius soli.

Il M5S, valutato al 28%, ribadisce la sua non alleanza con alcuna forza politica e, quindi, si candida inevitabilmente ad una nuova stagione di opposizione; non giovano le discusse esperienze di Roma e Torino e le incertezze programmatiche: sullo Ius soli Grillo ha sposato la linea della Lega, ma con forti polemiche interne al gruppo parlamentare; è inoltre criticata la versione «monocratica» dello stesso Grillo sull’intero movimento.

L’opinione pubblica (ed anche i grandi media) appare delusa dalla politica, troppo personalizzata; anche il principale sostenitore del Pd, il gruppo editoriale l’Espresso-la Repubblica, ha preso le distanze dalla segreteria Renzi, mentre il «Corriere della Sera» insiste sui limiti della guida Grillo del  M5S e sulle grandi divergenze Berlusconi-Salvini. 

Le forze politiche, anziché pensare al proprio «orticello», dovrebbero confrontarsi su un disegno di società per i prossimi cinque anni, privilegiando ciò che unisce da ciò che divide e non lasciando quindi al Presidente Mattarella il compito impossibile di compiere «un miracolo politico». Ci sono pochi mesi per cambiare strada, prima di elezioni nel vuoto. 

Tutti i diritti riservati

Politica

archivio notizie

11/01/2017

2017 Unione Europea, tra Brexit e Trump

Sarà un anno ricco di sorprese per l’UE quello appena cominciato

04/01/2017

Aspettando Godot, l'Europa oggi

Ancora un anno di attesa per l'Unione Europea nel 2017?

11/11/2016

Chiara Appendino, tutto esaurito alla Crocetta

Dall'emergenza occupazionale alle politiche per la famiglia, ai programmi per la cultura, la questione del Salone del Libro, la battaglia anti Tav... Il primo lungo dibattito faccia a faccia del Sindaco con la popolazione dopo le elezioni di giugno si è tenuto il 10 novembre presso la parrocchia Beata Vergine delle Grazie. Decine di domande dal pubblico. Un'ora di botta e risposta con il direttore della Caritas Dovis e il direttore de "La Voce e Il Tempo" Alberto Riccadonna

17/10/2016

Referendum Costituzionale: conoscere per scegliere

Lunedì 17 ottobre alle 21 al Sermig conferenza della prof.ssa Poggi sulla consultazione del 4 dicembre a partire dalle questioni cui i cittadini sono chiamati a scegliere