Il Papa: La teoria del gender? Una guerra mondiale contro il matrimonio

Nel suo secondo giorno in Georgia, Papa Francesco parla ai religiosi a Tbilisi: il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato. 

Parole chiave: Georgia (6), teoria del gender (4), Tbilisi (2), colonizzazioni ideologiche (2), Papa Francesco (252), gender (7), matrimonio (10), famiglia (84), divorzio (2)
Nel suo secondo giorno in Georgia, Papa Francesco parla ai religiosi a Tbilisi: il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato.

Rispondendo alle domande dei fedeli, nella Chiesa dell’Assunta a Tbilisi, la capitale della Georgia, il Papa ha identificato la teoria del gender come un grande nemico del matrimonio: “C’è una guerra mondiale per distruggere il matrimonio. Oggi ci sono colonizzazioni ideologiche che distruggono, ma non si distrugge con le armi, si distrugge con le idee. Pertanto, bisogna difendersi dalle colonizzazioni ideologiche”.

“Il matrimonio è la cosa più bella che Dio ha creato”. La Bibbia ci dice che Dio ha creato l’uomo e la donna, li ha creati a sua immagine (cfr Gen 1,27). Cioè “l’uomo e la donna che diventano una sola carne sono immagine di Dio”.

Le difficoltà del matrimonio

Quando nel matrimonio insorgono le difficoltà si è tentati di ricorrere al divorzio “ma - domanda Francesco ad Irina, la madre di due figli che si era soffermata sulle difficoltà del matrimonio - tu sai chi paga le spese del divorzio? Due persone, pagano. Chi paga?”. “Tutti e due” ha risposto la donna. “Tutti e due? Di più! Paga Dio, perché quando si divide una sola carne, si sporca l’immagine di Dio. E pagano i bambini, i figli. Voi non sapete, cari fratelli e sorelle, voi non sapete quanto soffrono i bambini, i figli piccoli, quando vedono le liti e la separazione dei genitori! Si deve fare di tutto per salvare il matrimonio”.

Ma è normale che nel matrimonio si litighi?

“Sì, è normale. Succede. Alle volte «volano i piatti». Ma se è vero amore, allora si fa la pace subito. Io consiglio agli sposi: litigate finché volete, litigate finché volete ma non finite la giornata senza fare la pace. Sapete perché? Perché la “guerra fredda” del giorno dopo è pericolosissima. Quanti matrimoni si salvano se hanno il coraggio, alla fine della giornata, di non fare un discorso, ma una carezza, ed è fatta la pace! Ma è vero, ci sono situazioni più complesse, quando il diavolo si immischia e mette davanti all’uomo una donna che gli sembra più bella della sua, o quando mette davanti a una donna un uomo che le sembra più bravo del suo. Chiedete aiuto subito. Quando viene questa tentazione, chiedete aiuto subito”.

E come si aiutano le coppie?

Con l’accoglienza, la vicinanza, l’accompagnamento, il discernimento e l’integrazione nel corpo della Chiesa: “Nella comunità cattolica si deve aiutare a salvare i matrimoni. Ci sono tre parole: sono parole d’oro nella vita del matrimonio. Io domanderei ad una coppia: «Vi volete bene?» - «Sì», diranno”. “E quando c’è qualcosa che uno fa per l’altro, sapete dire grazie? E se uno dei due fa una diavoleria, sapete chiedere scusa? E se voi volete portare avanti un progetto, - ad esempio - passare una giornata in campagna, o qualsiasi cosa, sapete chiedere l’opinione dell’altro?”. Tre parole: “Cosa ti sembra? Posso?”; “grazie”; “scusa”. Se nelle coppie si usano queste parole: “Scusami, ho sbagliato”; “Posso fare questo?”; o “Grazie di quel bel pasto che mi hai fatto”; “Posso?”, “grazie”, “scusa”, se si utilizzano queste tre parole, il matrimonio andrà avanti bene. E’ un aiuto.

Tutti i diritti riservati

Papa Francesco

archivio notizie

05/02/2017

Il Papa: “Ogni vita è sacra"

All’Angelus la preghiera del Papa per i bambini “in pericolo d’interruzione della gravidanza” e per le persone “che stanno alla fine della vita”

11/12/2016

Natale. Il Papa: riscoprire il sapore della vera gioia. Una giornata macchiata dalla strage dei copti

La guerra è un cumulo di soprusi e di falsità” l’appello di Francesco per la pace in Siria e in Medio Oriente. E l’invito a riscoprire la “vera gioia” del Natale

30/11/2016

Il Papa: Tutti risusciteremo e rimarremo per sempre con Gesù

L’ultima Catechesi sul ciclo della Misericordia: “Impegniamoci a pregare gli uni per gli altri” ed il racconto di un imprenditore che non vuole abbandonare 50 famiglie.

27/11/2016

Francesco: il Dio delle sorprese arriva all’improvviso

Siamo pronti per incontrarlo? All’Angelus l’invito a non essere dominati dalle cose del mondo, ma a governarle. E la preghiera per Centro America e Nord Italia.