Arriva a Torino «Carovane migranti»

Arriva a Torino il 5 dicembre la Carovana italiana per i diritti dei migranti che era partita da Lampedusa lo scorso 22 novembre. Il 5 e 6 per l'occasione si terranno momenti di confronto e testimonianza sul dramma di quanti ogni anno lasciano il loro paese per cercare fortuna pagando spesso questa scelta con la loro stessa vita. 

Parole chiave: Migranti (73), Messico (10), padre Solalinde (1), Sermig (22)
Arriva a Torino «Carovane migranti»

Arriva a Torino il 5 dicembre la «Carovana italiana per i diritti dei migranti» che era partita da Lampedusa lo scorso 22 novembre. Si tratta di un progetto che rappresenta un gemellaggio con la contemporanea «marcia delle madri» che per il decimo anno consecutivo ha attraversato il Centramerica in direzione del confine statunitense percorrendo il più grande corridoio migratorio del mondo dove migliaia di persone perdono la vita ogni anno.

In Italia la Carovana partita dalla Sicilia ha attraversato le regioni italiane presentando il dramma dei tanti migranti che perdono la vita per un futuro migliore e arriva a Torino, tappa conclusiva il 5 dicembre. Il capoluogo piemontese diventa così per due giorni il cuore di alcuni incontri e riflessioni sul tema dell'immigrazione a partire anche dalla testimonianza di padre Alejandro Solalinde Guerra, sacerdote messicano, coordinatore del Centro pastorale cattolico di cura per i migranti nel sud ovest del Messico che ha voluto accompagnare, tappa dopo tappa la carovana italiana.

Il 5 dicembre (dalle 8.45 alle 18) presso l'aula magna della Cavallerizza (via Verdi 9) si tiene un convegno su «Italia-Messico, cammini che si incrociano. Dialogo a più voci sul fenomeno migratorio». Intervengono, tra gli altri José Jacques Medina, cofondatore del Movimento Migrante Mesoamericano, Elena Camino dell'Università di Torino, Rosa Nelly Santos co-fondatrice della Caravana de madres centroamericanas buscando a sus mmigrantes desaparecidos e Padre Alejandro Solalinde.

Ancora il 5  padre Alejandro Solalinde e suor Leticia Gutierrez porteranno la propria testimonianza al Sermig. A partire dalle 18.45, negli spazi dell’Arsenale della Pace di Torino dialogheranno con giovani e adulti sul tema «Ero straniero. Sul cammino dei migranti». Un incontro a tutto campo per capire cosa può insegnare l’esperienza messicana all’Italia e all’Europa in termini di accoglienza e integrazione.

L’incontro di venerdì 5 dicembre sarà trasmesso in streaming anche sul sito www.sermig.org/diretta

Il 6 dicembre dalle 15 in piazza Castello un momento di festa e incontro con la cittadinanza dei membri della Carovana. Sono previste musiche e danze dal Senegal e dal Sudamerica e altre testimonianze e alle 19 ancora in Piazza Borgo Dora una festa con canti dal mondo. 

Per approfondire la realtà di Carovane Migranti www.carovanemigranti.org

Mondo

archivio notizie

24/03/2017

Nel 2016 uccisi nel mondo 28 missionari

XXV Giornata dei missionari martiri, 24 marzo 2017 - nell'anniversario dell'assassinio di mons. Romero la preghiera per la pace per laici e consacrati ammazzati in terra di missione 

09/02/2017

La svolta autoritaria del "sultano" Erdogan

La complessa situazione dello Stato che unisce il mondo arabo e islamico con l'Occidente

04/01/2017

Congo, la Chiesa strappa l’accordo: elezioni nel 2017

Cosa succede nel cuore dell'Africa 

29/11/2016

"La mia Aleppo con 900 ragazzi tra macerie e speranze"

Intervista a don Pier Jabloyan, salesiano, in visita a Torino all'Istituto Agnelli