SOSTEGNO AI SENZA FISSA DIMORA

Torino, approvato il "Piano Freddo". La Diocesi cercherà i posti che mancano

La Giunta Appendino ha dato il via libera al "Piano emergenza freddo 2017-2018". Per reperire maggiori posti letto in strutture cittadine, ed evitare di ricorrere a soluzioni emergenziali come i moduli abitativi allestiti nei parchi, si procederà ad un protocollo d’intesa tra Comune, Diocesi di Torino e Città della Salute

Parole chiave: piano freddo (1), diocesi (133), senza fissa dimora (9), Torino (681), Città (129), Caritas (51)
Torino, approvato il "Piano Freddo". La Diocesi cercherà i posti che mancano

Con l’arrivo della stagione fredda si mette in moto la rete cittadina per offrire sostegno ai senza fissa dimora. L’assessorato alle Politiche sociali della Città di Torino ha messo a punto il «Piano emergenza freddo 2017-2018», che sarà in vigore dal 15 novembre a fine marzo, realizzato in sinergia con la Protezione civile, la Polizia Municipale, la Città della Salute, l’Asl e la diocesi torinese.

La Giunta Appendino il 10 ottobre ha, infatti, approvato la delibera sul Piano e dato il via libera al bando per la presentazione di specifici progetti da parte di associazioni e realtà del privato sociale (disponibile su www.comune.torino.it). 

Il pacchetto di interventi straordinari prevede la disponibilità di 800 posti letto, attraverso l’incremento di quelli nei centri comunali e nelle associazioni del privato sociale aperti tutto l’anno, e all’allestimento di strutture temporanee di accoglienza, come il ricovero presso il Parco della Pellerina, i cui posti  nei moduli abitativi vengono diminuiti da 150 a 60.

 «Una scelta che va nella direzione di garantire luoghi di ospitalità con dimensioni più contenute», ha sottolineato l’assessore al Welfare Sonia Schellino, «maggiormente distribuiti sul territorio cittadino, più idonei alle necessità delle persone in modo da garantire la dignità». Per reperire maggiori posti letto in strutture cittadine, ed evitare di ricorrere a soluzioni emergenziali come i moduli abitativi allestiti nei parchi, si procederà ad un protocollo d’intesa tra Comune, Diocesi di Torino, attraverso la Caritas diocesana, e Città della Salute, che sarà firmato nei prossimi giorni.

Il Piano offre, inoltre, la possibilità ad associazioni e onlus di presentare  progetti di ospitalità temporanea della durata massima di dodici mesi che prevedano l’accoglienza in strutture residenziali, in alloggi di proprietà dei propri enti o anche di privati cittadini, sempre sotto il coordinamento delle singole organizzazioni del terzo settore.

Alle associazioni è previsto un rimborso spese forfettario di 300 euro mensili nel caso di ospitalità di una persona e fino ad un tetto massimo di 700 euro al mese se l’accoglienza riguarda interi nuclei familiari. 

Tutti i diritti riservati

Welfare

archivio notizie

01/12/2016

Torino, in coda per la casa oltre 4.000 sfrattati

Oltre 4.000 torinesi in grave situazione di povertà avrebbero diritto alla casa popolare, che quasi sempre non c’è. Ogni anno vengono assegnati soltanto 500 alloggi, resta senza risposta gran parte di una lista d’attesa che mette in fila 12.500 domande 

02/09/2016

Impegno Chiesa-città per giovani e periferie

Il Comune di Torino aderisce al cammino dell'Agorà del sociale che la Chiesa torinese sta portando avanti per un "nuovo modello di welfare" con al centro i giovani

01/06/2016

Politiche per il Welfare - LE NOSTRE DOMANDE

Diciassette candidati a Sindaco per Torino. In vista delle elezioni di domenica 5 giugno pubblichiamo brevi interviste a ciascuno di essi su temi di primo piano per il futuro della città. Approfondiamo il tema del Welfare: oltre le emergenze è necessario cambiare cultura e mentalità, frenare le disuguaglianze. Leggi le risposte ai candidati sindaco

10/12/2014

Opera Barolo: housing sociale in primavera e nuovo Consiglio di Amministrazione

Il 10 dicembre nel tradizionale incontro natalizio dell'Opera Barolo la presentazione dei progetti in campo, tra cui un nuovo housing sociale che si inaugurerà in primavera, del nuovo Cda e degli ultimi lavori di restauro al Palazzo abitato dai Marchesi in via delle Orfane.