A Torino, uniti contro l’atomica non solo ricordo ma impegno per il futuro

Nel ricordo delle stragi di Hiroshima e Nagasaki un appello alla pace, la libertà e la giustizia oltre cento cittadini in piazza Carignano 

Parole chiave: hiroshima (1), nagasaki (1), atomica (2), giappone (2), guerra mondiale (4), pace (89), torino (725)
A Torino, uniti contro l’atomica non solo ricordo ma impegno per il futuro
Manifestazione 2

Ricordare non solo per non dimenticare ma per essere sempre, anche e soprattutto oggi, operatori di pace. E’ stato questo il senso della manifestazione Mai più Hiroshima e Nagaski nel settantaduesimo anniversario del massacro nucleare che chiuse di fatto il secondo conflitto mondiale.

Tantissimi le sigle del Coordinamento di cittadini, associazioni e Istituzioni locali contro l’atomica, tutte le guerre i terrorismi che hanno aderito alla manifestazione promossa dalla Casa Umanistica di Torino, il Messaggio di Silo con il patrocinio del Comitato Regionale per i Diritti umani. In Piazza cerimoni, letture, canti e meditazioni, in ricordo delle vittime e per la pace e il suo simbolo, l’ulivo. La presenza è stata qualificata e numerosa oltre cento i partecipanti attivi e molti passanti si sono però fermati a chiedere spiegazioni e per dialogare sui temi che anche oggi sono al centro di una cultura di pace e di accoglienza.

Alla manifestazione sono pervenuti, e sono stati esplicitati pubblicamente i saluti del Presidente della Regione Piemonte Chiamparino, tramite Giorgio Ardito e del Presidente del Consiglio Regionale Mauro Laus, letti da Giampiero Leo, tra i più attivi promotori dell’iniziativa.

Fra le personalità pubbliche presenti hanno anche preso la parola Silvio Magliano, capo gruppo dei Moderati in Comune, Fabio Gosetto, consigliere comunale dei 5 stelle, Mauro Carmagnola presidente del Movimento Cristiano Lavoratori e Marco Brunazzi dell’Istituto di Studi storici Gaetano Salvemini oltre ai rappresentanza di associazioni e singoli cittadini. Giampiero Leo ha inoltre portato i saluti e l’adesione di Davide Gariglio, del sen. Mauro Marino, dell’on. Osvaldo Napoli e del consigliere regionale 5 stelle Andrissi.

La manifestazione si è svolta in un clima di grande serenità, tolleranza, rispetto e simpatia e soprattutto plurale e aperta a voci diverse. Oltre l’appello contro le atomiche si è aggiunto, su proposta di Carmagnola e Leo, è stato promosso un altrettanto forte appello a favore  del popolo Venezuelano  e contro la dittatura di Maduro, in sintonia con  particolare l’appello di Papa Francesco.

Infine, il coordinamento di cittadini contro l’atomica ha annunciato i prossimi due appuntamenti che si terranno nella seconda metà di settembre: un incontro in Consiglio regionale con tutti i parlamentari  (senatori e deputati) piemontesi e l’inaugurazione, il 2 ottobre della grande mostra “Senzatomica” realizzata dalla Soka Gakai, condivisa e promossa dal movimento interconfessionale “Noi siamo con voi”  e  ufficialmente approvata e sostenuta dal Comitato per i Diritti umani della Regione Piemonte.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

18/01/2018

I revisori dei conti scaricano Appendino

Strappo senza precedenti. Il collegio ha rinunciato all'incarico di vigilare sui conti della città. La prima cittadina in Sala Rossa ha respinto le accuse sulla mancata collaborazione dell'amministrazione nella documentazione dei bilanci 

17/01/2018

Chiesa e mass media, un'alleanza necessaria

Parte il Master di Giornalismo voluto da mons. Nosiglia per operatori pastorali e della comunicazione 

11/01/2018

La schiavitù delle Chiese separate

La settimana di preghiera ecumenica per l'Unità dei cristiani

10/01/2018

Torino emergenza freddo, parte l'accoglienza in Arcivescovado e al Maria Adelaide

Il 12 e il 17 gennaio aprono rispettivamente le accoglienze per senza fissa dimora in Arcivescovado e presso l'ex ospedale Maria Adelaide, frutto del protocollo d'intesa sottoscritto dal Comune di Torino, la Diocesi, l'Asl torinese e la Città della Salute e della Scienza