Istat, quasi 5 milioni di persone vivono in povertà assoluta in Italia

Tra i dati che spiccano nel rapporto sul 2016 c’è un evidente peggioramento nelle regioni centrali, in cui aumentano sia le famiglie povere (da 4,2% a 5,9%) sia gli individui (da 5,6% a 7,3%). A determinarlo in prevalenza è il balzo della povertà assoluta (da 3,3% a 6,4%) nei comuni con meno di 50mila abitanti al di fuori delle aree metropolitane

Parole chiave: attualità (1), povertà (43), società (45), chiesa (562), dati (4)
Istat, quasi 5 milioni di persone vivono in povertà assoluta in Italia

L’Istat ha diffuso i dati sulla povertà in Italia nel 2016 e rileva una “sostanziale stabilità” rispetto all’anno precedente. Non è una buona notizia, perché vuol dire che i livelli raggiunti negli anni più neri della crisi – nel 2007 i poveri erano poco più di un terzo degli attuali – non sono stati intaccati, anzi. Se infatti è statisticamente ragionevole parlare di stabilità in presenza di variazioni minime, è pur vero che i dati registrano un aggravamento del fenomeno. Vediamo i numeri nel dettaglio, cominciando dalla “povertà assoluta”, cioè la mancanza di beni e servizi essenziali per una vita minimamente accettabile in un certo contesto sociale. Per il 2016 l’Istat stima che questa condizione coinvolga 1 milione 619 mila famiglie (il 6,3%), per un totale di 4 milioni e 742 mila individui (il 7,9% della popolazione totale). Il numero delle famiglie torna ai livelli del 2013 (quando erano 1 milione 615mila), ma il numero delle persone tocca il valore più alto dal 2005 e questo perché – osserva l’Istituto nazionale di statistica – “la povertà assoluta è andata via via ampliandosi tra le famiglie con quattro componenti e oltre e tra quelle con almeno un figlio minore”. Una sottolineatura molto significativa. E molto significativo è anche l’aumento dell’intensità della povertà – l’indicatore che rappresenta quanto la spesa delle famiglie sia al di sotto della soglia di povertà – che passa da 18,7% a 20,7%. I poveri, insomma, sono ancora più poveri.

Tra i dati che spiccano nel rapporto sul 2016 c’è un evidente peggioramento nelle regioni centrali, in cui aumentano sia le famiglie povere (da 4,2% a 5,9%) sia gli individui (da 5,6% a 7,3%). A determinarlo in prevalenza è il balzo della povertà assoluta (da 3,3% a 6,4%) nei comuni con meno di 50mila abitanti al di fuori delle aree metropolitane. In linea con quanto accade dal 2012 è invece l’andamento inversamente proporzionale della povertà assoluta in relazione all’età: il valore minimo riguarda le famiglie in cui la persona di riferimento ha più di 64 anni (3,9%), quello massimo i nuclei in cui la persona di riferimento è sotto i 35 anni (10,4%). Minori e giovani sono i più colpiti. In generale sono le famiglie con tre o più figli minori a registrare l’incremento più rilevante: l’incidenza della povertà assoluta è passata dal 18,3% del 2015 al 26,8% del 2016.

Anche per la povertà relativa le dinamiche stimate dall’Istat sono analoghe a quelle evidenziate per la povertà assoluta. La soglia di povertà relativa, è utile ricordarlo, per una famiglia di due persone è pari alla spesa media mensile di un solo individuo (negli altri casi si applicano vari coefficienti). Nel 2016 le famiglie in questa condizione risultano 2 milioni 734 mila pari al 10,6% del totale (erano il 10,4% nell’anno precedente), corrispondenti a 8 milioni 465 mila individui, cioè il 14% della popolazione (13,7 nel 2015). La povertà relativa è più diffusa tra le famiglie con quattro componenti (17,1%) e schizza dal 30,9% tra i nuclei con cinque componenti o più; coinvolge soprattutto famiglie giovani, in cui la persona di riferimento ha meno di 35 anni (14,6%), e diminuisce in quelle in cui tale persona ha più di 64 anni (7,9%).

“Siamo ancora in mezzo al guado e farne le spese sono soprattutto famiglie numerose e minori”, osserva in una nota l’Alleanza contro la povertà, che pure sottolinea con favore “la recente approvazione del decreto attuativo della legge delega di contrasto alla povertà”, giudicandolo “il primo atto concreto nella costruzione di una strategia nazionale”. Per l’Alleanza – un cartello di 35 organizzazioni rappresentative della società civile – è necessario che nella prossima legge di bilancio venga introdotto un piano pluriennale che permetta di andare verso l’universalità dell’intervento attraverso il reddito d’inclusione sociale, attualmente limitato ad alcune fasce. “Tutti coloro che si trovano in povertà assoluta – sostiene l’Alleanza – devono trovare risposte adeguate”, “un contributo economico sufficiente a raggiungere uno standard di vita dignitoso e servizi di welfare locale capaci di offrire la concreta possibilità di modificare il proprio percorso di vita”.

Anche il Forum della associazioni familiari chiede alla politica “scelte coraggiose” verso “una fiscalità che tenga conto dei componenti famliari” e che non si perda l’occasione della prossima legge di bilancio. “Trasformiamo i propositi in concretezza”, afferma il presidente Gigi De Palo, perché in un Paese con la nostra situazione demografica “si dovrebbero incentivare le nascite, non mettere le famiglie nella condizione di impoverirsi per la nascita di un figlio”.

Fonte: Sir
Pubblico dominio

Attualità

archivio notizie

20/07/2017

Torino contro l'azzardo, il Tar dà ragione al Comune

La sentenza – respinti i ricorsi delle sale gioco contro l’ordinanza della giunta Appendino che limita l’apertura delle slot ad 8 ore al giorno 

19/07/2017

Vaccini, tempo di decisioni e responsabilità

I dati, le polemiche e il dibattito parlano gli esperti

19/07/2017

Dall’Italia al Sudamerica, andata e ritorno

Emigrazioni – La fuga dal Brasile dei discendenti italiani. lo sbarco dei profughi sulle nostre coste. i piemontesi nel mondo in visita ad oropa

19/07/2017

Fare cultura, come nacque il «sistema Torino»

Scrive Ugo Perone -  La crisi industriale degli Anni Novanta spinse la politica, Giunta Castellani, ad una vasta riflessione sull’identità del capoluogo, sul bisogno di pensiero, sul rilancio possibile. Oggi prevale la critica dei «salotti» che assunsero la guida della città. Ma sta rallentando anche la capacità di progetto