Europa, un unico grande e ricco territorio

Le quattro strategie della macroregione alpina

Parole chiave: montagna (24), territori (15), europa (160), italia (198)
Europa, un unico grande e ricco territorio

L'Europa prova a guardare alle Alpi come "regione unica" che unisce est e ovest. Un processo non semplice quello avviato un anno e mezzo fa dalla Strategia macroregionale alpina, una delle quattro "strategie" (e non macroregioni o pseudo-Padania) che prova a definire percorsi di collaborazioni tra Stati e ben 48 Regioni alpine, dove vivono 70milioni di abitanti. Fin qui è solo apparentemente tutto semplice. Nell'Europa che deve provare a rigenerarsi e a trattenere le spinte verso possibili e mai del tutto rimosse disgregazioni, il processo di genesi di Eusalp è molto complesso. Per individuare cosa manca alla Strategia macroregionale alpina, cosa potrebbe essere utile per rendere questo strumento (non è una nuova istituzione e non ci saranno nuove leggi) più conosciuto e fruibile, Uncem ha lanciato a gennaio un sondaggio pubblico. Restituisce una fotografia a luci e ombre, con delle richieste e delle necessità alle Regioni che maggiormente stanno trainando Eusalp, come, per l'Italia, la Lombardia. Il Piemonte è finora stato particolarmente "timido", non avendo la guida di nessun Action Group, i nove gruppi di lavoro costituiti tra esperti individuati dai vari Stati, ad esempio su trasporti, innovazione, ambiente. 

Quasi l'80% delle persone che hanno risposto al questionario conoscono Eusalp e il 66% ritiene corretto aver esteso l'area di Eusalp alle intere Regioni alpine (e non solo alla zona "montana"), arrivando a comprendere così oltre 70 milioni di abitanti di 48 Regioni di sette Stati. La fiducia in Eusalp è forte: l'80% crede che Eusalp possa aiutare le Regioni italiane a trovare convergenze, progetti comuni, avviare iniziative per il miglioramento delle condizioni di vita, dei servizi e per lo sviluppo delle aree montane, anche sull'esempio di altre Regioni europee. E così, Eusalp può aiutare l'Europa a "rigenerarsi" partendo dalle Regioni (66% delle risposte).
È quasi unanime il giudizio sul necessario coinvolgimento degli Enti locali, maggiore e migliore. Il 96% di quanti hanno risposto al questionario Uncem ritiene indispensabile coinvolgere nel processo di costruzione di Eusalp i Comuni oltre che le Regioni. Ma cosa deve fare Eusalp? Il 70% delle risposte chiede di puntare sull'avvio di nuovi sistemi di servizi pubblici - trasporti, scuola, sanità - modellati sulle reali esigenze delle collettività; il 69% afferma che deve garantire la valorizzazione delle risorse naturali - acqua e foreste in primis - ove queste vengono prodotte e stoccate, in un rapporto più forte tra città e montagna. Ancora, il 66% considera determinante la difesa delle piccole realtà produttive artigianali e agricole nelle aree rurali. Il nuovo "patto" tra aree urbane e metropolitane viene considerato necessario dall'84% delle persone che hanno risposto al questionario; solo secondo il 16% non vi è bisogno di modelli di interazione tra aree che producono e che consumano risorse, tra ambiti territoriali diversi che devono ritrovare spazi di cooperazione.

Rispetto a comunicazione e coinvolgimento dei territori, per definire priorità, necessità, obiettivi di Eusalp servono incontri locali, a livello di Comune e Unione (82% delle risposte). Solo il 30% crede invece nell'uso dei social network per raggiungere l'obiettivo. Meglio gli incontri a livello regionale (50%). Eusalp, per essere riconosciuta e riconoscibile, ha bisogno di una forte campagna di comunicazione, che ne presenti obiettivi e contenuti; i mezzi li restituisce chiaramente il questionario: il 70% considera fondamentali i social, il 67% ritiene utili servizi televisivi e trasmissioni di approfondimento, il 58% articoli su giornali locali, il 50% articoli su giornali e riviste.

Il punto ora è spingere le Regioni più grandi di Eusalp, Piemonte compreso, a lavorare a fondo per non vanificare quanto finora fatto e un grande progetto inclusivo. Meno studi, più azioni concrete che spingano la politica a muovere concretamente azioni e interventi per comporre uno storico e incompiuto rapporto tra città e montagna, tra zone avanzate e meno sviluppate dell'UE. Le sfide di Eusalp sono quelle dell'unità europea. 

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

20/07/2017

Torino contro l'azzardo, il Tar dà ragione al Comune

La sentenza – respinti i ricorsi delle sale gioco contro l’ordinanza della giunta Appendino che limita l’apertura delle slot ad 8 ore al giorno 

19/07/2017

Vaccini, tempo di decisioni e responsabilità

I dati, le polemiche e il dibattito parlano gli esperti

19/07/2017

Dall’Italia al Sudamerica, andata e ritorno

Emigrazioni – La fuga dal Brasile dei discendenti italiani. lo sbarco dei profughi sulle nostre coste. i piemontesi nel mondo in visita ad oropa

19/07/2017

Fare cultura, come nacque il «sistema Torino»

Scrive Ugo Perone -  La crisi industriale degli Anni Novanta spinse la politica, Giunta Castellani, ad una vasta riflessione sull’identità del capoluogo, sul bisogno di pensiero, sul rilancio possibile. Oggi prevale la critica dei «salotti» che assunsero la guida della città. Ma sta rallentando anche la capacità di progetto