Dare linfa ai piccoli comuni di montagna

L'impegno delle terre di Montagna per ottenere pari dignità rispetto alla metropoli e ai centri di pianura

Parole chiave: terre alte (2), montagna (14), piemonte (66), politica (97)
Dare linfa ai piccoli comuni di montagna

Il Piemonte, come poche altre Regioni in Italia, è la Regione dei Comuni. Sono 1.204, dei quali l'80 per cento ha meno di 5.000 abitanti. 553 sono quelli montani e qui le dimensioni e il numero di abitanti, si riducono ulteriormente. Piccoli, piccolissimi, ma anima vitale e presidio del territorio. Leggi nazionali degli ultimi vent'anni hanno provato a eliminarli, ad accorparli forzosamente, senza accorgersi che i Comuni sono la struttura politica e istituzionale più vicina ai cittadini, anima del volontariato locale (compreso quello amministrativo, visto che sindaci e consiglieri ricevono pochi euro l'anno per il loro incarico e moltissimi rinunciano a compenso e rimborsi spese), opportunità di presidio e anche di sviluppo locale.

Così, negli ultimi cinque anni si è cambiato rotta e lo Stato, con la Regione Piemonte in prima fila, ha deciso di incentivare con risorse economiche i piccoli Comuni che uniscono i servizi. Cioè che lavorano maggiormente insieme, scelgono la via del dialogo e del confronto continuo. In Piemonte sono nate 56 Unioni montane di Comuni e altrettante Unioni nei territori di pianura e di collina. Hanno ereditato molto lavoro fatto dalle Comunità montane e collinari, non senza problemi e sfide nel passaggio e nella rigenerazione di strutture e obiettivi, ancora in corso. 

Un lavoro impegnativo per i Sindaci dei piccoli Comuni. Ma associarsi conviene. In primo luogo per la necessità di salvaguardare storia, identità, cultura locale. E solo con il confronto, insegnano gli antropologi, questi vengono riconosciuti e protetti. Ma è sulla riorganizzazione della macchina amministrativa che Stato e Regione hanno deciso di incentivare economicamente i Comuni che si sono uniti costituendo le "Unioni". Nei giorni scorsi, la Regione ha pubblicato i risultati del bando per le gestioni associate 2016: 4,7 milioni di euro per gli enti sovracomunali. "Questi Enti - spiega Lido Riba, presidente dell'Unione dei Comuni montani - come già nel 2015 e nel 2014, hanno dimostrato la grande capacità di lavorare insieme, unendo le 'funzioni fondamentali', e anche il personale dei Comuni, in una dimensione più ampia". Dai trasporti alla gestione amministrativa e contabile degli enti, dalla polizia municipale alla protezione civile, passando per scuola, urbanistica ed edilizia, statistica, socio assistenziale. "Incentivare le gestioni associate - riflette Riba - vuol dire puntare su una sostanziale riorganizzazione degli Enti locali, con i piccoli Comuni che imparano sempre di più a lavorare insieme, in un ambito più vasto, migliorando i servizi ai cittadini, creando interazione tra enti che fino a ieri non dialogavano e tra amministratori non sempre abituati al confronto e allo scambio di progettualità, idee, sistemi di lavoro. Il Piemonte sta facendo grandi passi in avanti".

Il lavoro da fare per sostenere i Comuni nel percorso dell'associazionismo è certamente complesso. Occorre unire il personale, rinnovare i sistemi informativi mettendoli in comunicazione, rinunciare talvolta a pezzi della propria sovranità per accogliere progetti e proposte dei Comuni vicini. Un percorso virtuoso che allinea il Piemonte all'Europa, dove per i 36mila Comuni francesi e per i 24mila tedeschi lavorare insieme è molto più di una necessità o di un obbligo. È il vettore del futuro stesso degli enti locali, di migliori servizi ai cittadini, alle imprese, alla pubblica amministrazione. Anche qui in Piemonte Uncem ci crede profondamente e sosterrà le Amministrazioni locali in questo percorso di unità, dialogo, impegno.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

01/03/2017

La spada di Damocle di Bruxelles sui conti italiani

Puntuale come le tasse, è tornato in questi giorni il tormentone dei richiami di Bruxelles sui precari conti pubblici italiani. Non proprio una sorpresa, anzi una vicenda antica che ci portiamo dietro da vent’anni, da quando l’Italia ha apposto la sua firma nel 1997 in calce a quel “Patto di stabilità” che da allora ci segue passo a passo

01/03/2017

Bergoglio: "Non si va in paradiso in carrozza"

La Quaresima è un cammino impegnativo, ma pieno di speranza. L’Udienza Generale del mercoledì delle Ceneri

01/03/2017

L'alleanza franco-piemontese nel nome delle Alpi

Torino e Chamonix-Mont-Blanc tornano a guardare alla montagna, tra cultura e innovazione

28/02/2017

L'altro D'Azeglio e la Civiltà Cattolica

La bella storia del conte piemontese fratello degli esponenti liberali Roberto e del più famoso Massimo