Le parabole della Misericordia. Un Dio gioioso e festante

 Al capitolo quindici del suo Vangelo, Luca presenta tre parabole che hanno in comune la nota della misericordia divina verso i peccatori: egli ci offre in tal modo l’intima natura, il perfetto esempio della buona notizia: il Vangelo nel Vangelo

Parole chiave: bibbia (12), chiesa (659), misericordia (105), percorso (3)
Le parabole della Misericordia. Un Dio gioioso e festante

Tutte le tre parabole sottolineano la gioia di Dio per la conversione del peccatore. Al termine della prima si dice: “Ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti” (Lc 15,7); alla fine della seconda: “C’è gioia davanti agli angeli di Dio per un solo peccatore che si converte” (Lc 15,10); nella terza il Padre comanda: “Facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato” (Lc 15,23-24). Anzi, nella conclusione dell’ultimo racconto il Padre afferma con forza: “Bisognava (èdei) far festa!” (Lc 15,32). Il tema della gioia percorre tutto il capitolo 15 di Luca, ricorrendo ben otto volte. Il discorso quindi non è morale ma teologico: l’attenzione delle parabole non è sul pentimento dell’uomo, ma sulla gioia di Dio. Non viene più presentato un Dio severo e accigliato che attende di punire i cattivi, ma un Dio allegro e festante perché vuole riabbracciare i suoi figli perduti. L’Evangelo riguarda non i cammini di pentimento dell’uomo, ma la “novità” di un Dio che cerca il peccatore, che vuole riportarlo a sé, che esulta per la relazione riallacciata con lui.

 A ben analizzare il testo, ci troviamo di fronte a solo due parabole: una, quella del ritrovamento di ciò che si era perduto, declinata prima al maschile (il pastore e la pecora) e poi al femminile (la donna e la moneta), l’altra del padre misericordioso.

Che tenerezza nell’immagine di una pecora portata “in spalla tutto contento” (Lc 15,5)! “Una pecora in spalla ha un certo peso; non è un agnellino; si tratta di un animale ferito, sporco, sicuramente irrequieto. Il pastore se la mette in spalla alla lettera "con grande gioia" e va a casa, con gli amici, a far festa. L’azione posta al centro della parabola lucana è questa gioia del pastore che cerca e recupera la pecora. Questa gioia della ricerca andata a buon segno, questa gioia grande è la gioia di Dio di poter perdonare l’uomo, ogni uomo singolarmente” (G. Benzi).

Come tutta la parabola, anche il suo finale ci sorprende e ci stupisce: “Così, vi dico, ci sarà più gioia in cielo per un peccatore convertito, che per novantanove giusti” (Lc 15,7): come può Dio essere più contento di un solo peccatore che ritorna a lui che di novantanove giusti che ogni giorno gli obbediscono con fedeltà, magari a prezzo di grandi sforzi e sacrifici? Ma siamo qui di fronte a quello stile del “paradosso” che spesso troviamo soprattutto nei Vangeli: si presenta una situazione talora persino assurda ma per stressare alcuni concetti. E qui si vuole innanzitutto sottolineare che ciascuno di noi è preziosissimo agli occhi di Dio: ciascuno di noi è la gioia di Dio. Dio ama ciascuno di noi come se non esistesse nessun altro, e continuamente ci cerca, ci conquista, ci seduce. Per Dio non è possibile che qualcuno possa essere lontano dal suo amore; Dio non tollera che qualcuno sia escluso dalla sua misericordia.

             

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

18/01/2018

I revisori dei conti scaricano Appendino

Strappo senza precedenti. Il collegio ha rinunciato all'incarico di vigilare sui conti della città. La prima cittadina in Sala Rossa ha respinto le accuse sulla mancata collaborazione dell'amministrazione nella documentazione dei bilanci 

17/01/2018

Chiesa e mass media, un'alleanza necessaria

Parte il Master di Giornalismo voluto da mons. Nosiglia per operatori pastorali e della comunicazione 

11/01/2018

La schiavitù delle Chiese separate

La settimana di preghiera ecumenica per l'Unità dei cristiani

10/01/2018

Torino emergenza freddo, parte l'accoglienza in Arcivescovado e al Maria Adelaide

Il 12 e il 17 gennaio aprono rispettivamente le accoglienze per senza fissa dimora in Arcivescovado e presso l'ex ospedale Maria Adelaide, frutto del protocollo d'intesa sottoscritto dal Comune di Torino, la Diocesi, l'Asl torinese e la Città della Salute e della Scienza