De Gasperi, padre dell'Europa, una mostra a Torino

La mostra “De Gasperi. Il coraggio di costruire” è fatta dai giovani per i giovani, sono anzitutto loro gli autori di questa mostra" fino al 30 giugno al Polo del '900

Parole chiave: polo del '900 (2), De Gasperi (8), mostra (24), Torino (701)
De Gasperi, padre dell'Europa, una mostra a Torino

 

La mostra si inserisce nel progetto educativo “Lezioni italiane. De Gasperi Padre della Patria” nato dalla collaborazione di un gruppo di ventenni con la Sig.ra Maria Romana De Gasperi per promuovere un’opera di alfabetizzazione sulla figura dello statista trentino.

 

L’esposizione si articola in tre isole tematiche che, in modo evocativo, ricostruiscono le passioni e l’impegno di De Gasperi. La prima isola, dedicata all’identità, pone al centro della riflessione la famiglia e la terra di origine, il Trentino. La vocazione è il tema della seconda e si sviluppa lungo due direzioni: la vocazione alla vita politica e la vocazione a una vita nutrita dalla fede. La terza è riservata al sogno: il sogno di una Italia democratica e di una Europa unita nella pace e nella giustizia.

Ogni isola contiene documenti, foto, ed oggetti che permetteranno ai visitatori di conoscere non solo il De Gasperi pubblico, ma anche quello più intimo.

 

Dal 19 aprile al 30 giugno 2017 la mostra è allestita, in collaborazione con la Fondazione Donat-Cattin e grazie al contributo di Compagnia di San Paolo, presso il Polo del ‘900 di Torino, dove le scolaresche si recheranno per visite guidate che i giovani curatori della mostra realizzeranno.    

 

Il giorno 9 maggio, festa dell’Europa, presso il Polo del ‘900, verrà organizzato un evento di presentazione della mostra con la partecipazione della signora Maria Romana De Gasperi. L’incontro saràrivolto agli studenti delle scuole superiori.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

23/11/2017

Pensioni: il governo apre su giovani e donne

Trattative – il pacchetto di misure che sarà inserito nella legge di bilancio divide i sindacati

23/11/2017

Un vero letto per i primi profughi dal "Moi"

Occorrerà ancora molto tempo per sistemare tutti i rifugiati di via Giordano Bruno. Lunedì scorso la Chiesa torinese ha dato ospitalità a un primo gruppo di 53, altri 20 sono stati trasferiti in strutture convenzionate con la Prefettura. Premiato il metodo della collaborazione stretta fra Enti locali, Diocesi, Compagnia di San Paolo

23/11/2017

Carmagnola: città e borghi alla sfida dell'integrazione

Focus - Vocazione agricola e "Periferia urbana" sullo sfondo di una società sempre più multietnica. Intervista al Sindaco Ivana Gaveglio

23/11/2017

Residenze sabaude il tesoro del Piemonte (e del mondo)

Palazzi, ville, castelli, reggie di valore eccezionale che vent'anni fa, il 7 dicembre 1997, l'Unesco ha riconosciuto come patrimonio mondiale dell'umanità