Città-cattedrali, un’App apre le chiese artistiche

Sabato 23 e domenica 24 settembre apertura straordinaria dei luoghi sacri in Piemonte e Valle d’Aosta: 500 beni culturali ecclesiastici da scoprire e da vivere con la terza edizione di "Città e Cattedrali" a porte aperte 

Parole chiave: Chiese (7), edifici sacri (1), pubblico (1), porte aperte (2), piemonte (83), valle d'aosta (2)
Città-cattedrali, un’App apre le chiese artistiche
foto_rolandi_2

Aperture straordinarie di abbazie, monasteri, pievi, santuari, chiese, musei diocesani visitabili con l’accoglienza di volontari. È il cuore dell’iniziativa che il  23 e  il 24 settembre rilancia il progetto «Città e Cattedrali,» il piano di valorizzazione del patrimonio culturale ecclesiastico di Piemonte e Valle d’Aosta, ideato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e dalle diocesi delle due regioni.  Si è sviluppato con il sostegno della Regione Piemonte, della società Arcus e delle Soprintendenze, con l’apporto della Direzione regionale del Mibact.

Il fine settimana a porte aperte, organizzato  nell’ambito delle giornate europee del patrimonio culturale, sarà  anche  l’occasione per i turisti di  festeggiare con gli oltre  duemila volontari l’intensa attività che ha coinvolto lungo tutto l’anno 500 beni culturali ecclesiastici sparsi per il Piemonte e la Valle d’Aosta, luoghi carichi di storia e arte sacra, visitabili in itinerari geografici e tematici, percorribili anche attraverso la rete visitando il portale www.cittaecattedrali.it

Ed ecco la particolarità della visita: dal sito è possibile prima registrarsi, poi  prenotare l’itinerario. Dopo aver scaricato un’applicazione per Ios e Android sul proprio smartphone si potrà  quindi accedere alle chiese e cappelle. Il visitatore davanti all’edificio inquadrerà un «Qr»  e sarà identificato tramite l’applicazione e la georeferenziazione. Si aprirà automaticamente una porta dotata di maniglione antipanico e rallentatore di chiusura. Accedendo all’interno, troverà un meccanismo multimediale che, dopo aver esercitato un’opzione tramite una pulsantiera per scegliere una lingua, inizierà la narrazione storico-artistico- devozionale. Oltre alla voce guida, si attiveranno luci mobili che attraverso un sistema di micro proiettori illumineranno le opere d’arte. Alla fine, quando il visitatore lascerà l’edificio, la porta si chiuderà automaticamente.

Un sistema di controllo rileverà le persone presenti all’interno del luogo verificandone il numero rispetto alla prenotazione, memorizzerà l’immagine delle facce per la sicurezza e  la protezione del bene  e, con un sistema di sensoristica, saranno  veicolate  ad un server centrale  i dati sulla  temperatura, l’umidità e le  vibrazioni sismiche oltre a  individuare, tramite confronto di immagini incrementali, eventuali vandalismi o modifiche dell’affresco, allarmando in quel caso i referenti per la custodia.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

23/10/2017

Nasce "NeMO Torino", un centro clinico per combattere le malattie neuromuscolari

La presentazione si è svolta nella sede della Regione Piemonte con la partecipazione del Presidente Sergio Chiamparino, l'Assessore Antonio Saitta, il direttore generale della Città della Salute e della Scienza Gian Paolo Zanetta, Massimo Mauro e Fabrizio Palenzona. Sorgerà nell'ambito del progetto dell'Ospedale "Città della Salute e della Scienza"

23/10/2017

La famiglia e il lavoro in casa, un ambito da valorizzare

Un interessante incontro promosso sul tema. Il complesso rapporto tra lavoro domestico, politiche fiscali e Welfare

23/10/2017

Torino: lo stato d'emergenza smog continua

Il vento di domenica pomeriggio e sera ha abbassato il livello di Pm10 ma restano alti e servono interventi strutturali e sacrifici che non riguardano solo la circolazione delle auto

23/10/2017

La costituzionalista Anna Maria Poggi: il Veneto non è la Catalonia, ma attenzione...

"Valanga di 'sì' ai referendum del 22 ottobre per l'autonomia delle Regioni del Nord: 98% in Veneto, 95% in Lombardia. Non sottovalutare il segnale delle urne contro l'immobilismo del Parlamento e gli eccessivi privilegi delle Regioni a Statuto speciale: Sicilia, Valle d'Aosta... ". Forse un referendum anche in Piemonte