In piazza Vittorio la Messa del Papa il 21 giugno a Torino

Il 21 giugno sarà Piazza Vittorio ad accogliere Papa Francesco per la Messa che vedrà confluire nel centro di Torino migliaia di pellegrini. Piazza Vittorio aveva già accolto San Giovanni Paolo II in visita a Torino nel 1980 e nel 1998.  

Parole chiave: Piazza VIttorio (1), Sindone (64), Papa Francesco (250), messa (21)
In piazza Vittorio la Messa del Papa il 21 giugno a Torino

Sarà piazza Vittorio ad accogliere Papa Francesco domenica 21 giugno nella sua visita torinese. La piazza si estende su un'area di  circa 40 mila metri quadrati dove si presume confluiranno le migliaia di persone che parteciperanno alla Messa. Piazza Vittorio era stata la piazza prescelta per le due visite torinesi di Giovanni Paolo II nell’80, il 13 aprile (Gallery)  e il 24 maggio del 1998 per l’Ostensione della Sindone e la per la beatificazione di Teresa Bracco, Giovanni Maria Boccardo e Teresa Grillo Michel. In questa ultima occasione si era stimato che nella giornata torinese del Papa fossero state 450 mila le persone che lo hanno visto davanti al Duomo, lungo il tragitto compiuto per raggiungere piazza Vittorio Veneto e nella stessa piazza. Per la visita di Papa Benedetto XVI il 2 maggio del 2010 la scelta era caduta su piazza san Carlo dove sin dalla prima mattina ad attenderlo per la celebrazione delle 11 vi erano oltre 50 mila persone tra  piazza San Carlo, via Roma e piazza Castello.

La decisione della «location» per la Messa è stata ufficializzata il 2 dicembre nel corso di un incontro in Arcivescovado tra i membri dell'Assemblea del Comitato, l'organismo che raccoglie i «soci promotori» dell'ostensione della Sindone.

Con mons. Nosiglia c’erano il sindaco Fassino, l’ispettore dei Salesiani del Piemonte,don Enrico Stasi, il direttore regionale del Ministero dei Beni Culturali Turetta, l’assessore D’Acri (Provincia di Torino), il dr. Conterno in rappresentanza della Regione, il dr. Barioglio (Fondazione Crt), il dr. Coda (Compagnia di San Paolo).

Presenti anche il presidente del Comitato organizzatore dell'ostensione, il vicesindaco di Torino Elide Tisi, don Roberto Gottardo, presidente della Commissione diocesana per la Sindone, il direttore generale del Comitato ing. Maurizio Baradello e il direttore della Comunicazione dr. Marco Bonatti.

L'indicazione per piazza Vittorio come luogo della celebrazione della Messa risponde all'orientamento del Papa per una visita «alla città». Si è scelto dunque di offrire ai cittadini di Torino, e a tutti quanti vorranno partecipare, un'area che offra, nel centro storico, la capienza più ampia insieme con la possibilità di «incontrare» Papa Francesco anche lungo il percorso di avvicinamento alla piazza.

Al momento non  vengono anticipati dettagli della giornata papale. Le uniche «certezze» sono quelle indicate da Francesco stesso: venire pellegrino alla Sindone e per onorare la memoria di san Giovanni Bosco nel secondo centenario della nascita. Allo stesso modo si sa che, nella giornata del Papa, ci sarà un'attenzione particolare per i giovani e per le persone in condizioni di sofferenza, secondo quanto indicato dall'arcivescovo di Torino mons. Nosiglia.

Dai vescovi della Conferenza episcopale di Piemonte e Valle d'Aosta un caloroso invito a partecipare agli incontri col Papa:«lincontro con Papa Francesco sarà un momento forte di ascolto della Sua parola, di celebrazione Eucaristica, di preghiera e di fraternità. Ci aspettiamo che da questo incontro scaturisca e si rafforzi in tutti noi una speranza contagiosa, per le nostre Chiese come per tutto il popolo subalpino. Il nostro territorio è duramente provato, in questi anni, da una crisi non solo economica ma sociale e morale. La visita del Papa contiene anche un preciso richiamo: tocca a noi, cristiani del Piemonte e della Val d’Aosta, testimoniare chiaramente quella «gioia del  Vangelo» evocata nella sua lettera apostolica, una gioia che è la ragione stessa del nostro vivere».

Papa Francesco

archivio notizie

30/11/2016

Il Papa: Tutti risusciteremo e rimarremo per sempre con Gesù

L’ultima Catechesi sul ciclo della Misericordia: “Impegniamoci a pregare gli uni per gli altri” ed il racconto di un imprenditore che non vuole abbandonare 50 famiglie.

27/11/2016

Francesco: il Dio delle sorprese arriva all’improvviso

Siamo pronti per incontrarlo? All’Angelus l’invito a non essere dominati dalle cose del mondo, ma a governarle. E la preghiera per Centro America e Nord Italia.

23/11/2016

Il Papa: Dubbi? Anch’io ne ho tanti, ma vanno superati

Durante la prima udienza generale dopo la fine del Giubileo, Papa Francesco è tornato a riflettere sulle opere di misericordia, soffermandosi sul “consigliare i dubbiosi e insegnare agli ignoranti”.

20/11/2016

Si chiude il Giubileo, ma resta aperta la porta del Cuore di Cristo

Papa Francesco ha chiuso la Porta Santa, ma ha invitato tutti a non chiudere le porte della riconciliazione e del perdono. All’Angelus i ringraziamenti per il Giubileo.