Centro Peirone: conoscere l’Islam per convivere e costruire insieme

Parte il corso culturale di base. Colloquio con il direttore don Tino Negri

Parole chiave: islam (50), torino (519), diocesi (88), chiesa (348), cristiani (57), musulmani (15)
Centro Peirone: conoscere l’Islam per convivere e costruire insieme

Inizia oggi il corso di base sull’Islam promosso e organizzato dal Centro Federico Peirone in collaborazione con l’Ufficio Scuola diocesano. Il Corso intende fornire nozioni basilari delle diverse culture arabo-islamiche, stabilendo talora il confronto con le istituzioni giuridiche e culturali della società italiana d’inserimento degli immigrati, onde consentire ai partecipanti una sapiente considerazione dei diversi elementi  che interagiscono nel rapporto fra mondi culturali.

 

 

Don Tino Negri, direttore del Centro, attivo al 1995 illustra i contenuti del corso

«Questo corso è più breve rispetto al classico modulo di 10 incontri. In cinque appuntamenti cerchiamo di affrontare problemi concreti che l’opinione pubblica percepisce e non conosce rispetto al mondo dell’Islam»

 

Il primo appuntamento è davvero innovativo

«Certamente sarà con noi padre Ignazio De Francesco da Montesole, la comunità fondata da Giuseppe Dossetti. Ci parlerà del progetto che segue presso la casa circondariale Dozza di Bologna, sul lavoro di dialogo e confronto che ha intrapreso con i detenuti musulmani per evitare che siano inghiottiti nel fenomeno della radicalizzazione che porta ad una adesione alla frange estreme del fanatismo. Padre Ignazio, buon conoscitore della lingua, della cultura e dei costumi islamici – ha vissuti alcuni anni in Siria – sta cercando di lavorare sul tema della Costituzione italiana e sulle Costituzioni dei paesi di provenienza delle persone detenute. Per capire come sui valori fondamentali ci siano aspetti e temi, valori e realtà che possono essere condivise. Un percorso interessante che si snoderà con la proiezione di un film documento e l’analisi con l’aiuto di due esperti medici, uno musulmano e l’altro docente di bioetica, sul tema della circoncisione  nel mondo islamico, partendo da un tragico fatto di cronaca dei mesi scorsi, la morte di un neonato a Torino.

 

Il resto del corso su quali temi si concentrerà?

I nostri docenti cercheranno di presentare i temi forti, il Corano, l’etica islamica e il jihād per un pubblico non di esperti ma di attenti e consapevoli credenti, cittadini, giovani e adulti ai quali non è sufficiente rimanere informati dalle parziali e spesso fuorvianti indicazioni della comunicazione generalistica, radio televisiva, della carta o della rete internet. Un altro aspetto importante è la collaborazione con le edizioni Paoline con le quali stiamo realizzando una serie di pubblicazioni divulgative ma realizzate con competenza e autorevolezza da autori preparati.

 

 

Tutte le date degli incontri del corso e i dati relativi alle modalità di iscrizione sono reperibili nella sezione del sito della Diocesi dedicata al Centro.

Attualità

archivio notizie

23/01/2017

Azione Cattolica: nella chiesa e nel mondo guidati dal Vangelo della gioia

Il cammino dell'associazione verso l'Assemblea nazionale. Il bilancio del presidente Fabio Dovis. Fotogallery dell'incontro

22/01/2017

Rigopiano, la preghiera per le vittime e il grazie ai soccorritori

All’Angelus il Papa ricorda le vittime di terremoto e maltempo in Italia centrale. Gesù? E’ andato incontro all’uomo partendo dalle periferie

21/01/2017

Trump si presenta al mondo

La cronaca di una giornata storica per gli Stati Uniti dopo 8 anni di presidenza Obama

21/01/2017

Papa Francesco scrive a Donald Trump: "Pensa ai poveri"

Fra le urgenze pastorali di Bergoglio e l’approccio duro protezionista di Trump il contrasto è lampante ma il Papa confida nella pace