Testa e cuore per universitari

Una proposta per gli studenti degli atenei a cura della Fuci 

Parole chiave: fuci (2), università (56), chiesa (385), torino (548), ricerca (13)
Testa e cuore per universitari

A quale studente universitario non è capitato, almeno una volta, di chiedersi: “Ma questo esame a cosa serve?” oppure direttamente “Ma chi me l'ha fatto fare?”. Tante volte, guardando la pila di libri, quaderni, slides e appunti ci si chiede ancora: “Perchè? Perchè studio?”.

Da questa domanda nasce e prede avvio il percorso del gruppo FUCI (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) di Torino per provare a trovare una risposta a questo grande perché, insieme.

Troppo spesso il tempo universitario viene vissuto come un susseguirsi meccanico di lezioni, studio, sessione esami e in questo schema è facile perdersi. Ma è davvero solo questo il tempo universitario? La Fuci di Torino vuole provare a ri-scoprire questo spazio-tempo che l'università è; vuole interrogare le motivazioni, i desideri e le speranze che stanno alla base di questo percorso, in un momento in cui spesso l'università e lo studio sono visti e vissuti semplicemente come un obbligo anche quando questo non viene dall'esterno (famiglia, aspettative sociali, standard, immagini...).

La proposta è un percorso di cinque incontri dal titolo “Onora la tua intelligenza” che partiranno giovedì 12 Gennaio presso la sede in Corso Giacomo Matteotti 11 alle ore 19.30 (i seguenti saranno sempre presso la sede ma alle ore 21.00).

Al centro ci sarà sempre il tema dello studio, partendo dal testo di Armando Matteo che da il titolo al percorso. Sarà affrontato ogni volta da una prospettiva diversa e attraverso la voce di ciascun componente del gruppo.

Questo permetterà a ognuno di trovare la propria risposta alla domanda “Perchè?” confrontandosi, dialogando tra pari, generando insieme pensiero e sapere, nella speranza d'una maggiore consapevolezza di sé in quanto studente ma soprattutto di sé in quanto persona. 

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

01/03/2017

La spada di Damocle di Bruxelles sui conti italiani

Puntuale come le tasse, è tornato in questi giorni il tormentone dei richiami di Bruxelles sui precari conti pubblici italiani. Non proprio una sorpresa, anzi una vicenda antica che ci portiamo dietro da vent’anni, da quando l’Italia ha apposto la sua firma nel 1997 in calce a quel “Patto di stabilità” che da allora ci segue passo a passo

01/03/2017

Bergoglio: "Non si va in paradiso in carrozza"

La Quaresima è un cammino impegnativo, ma pieno di speranza. L’Udienza Generale del mercoledì delle Ceneri

01/03/2017

L'alleanza franco-piemontese nel nome delle Alpi

Torino e Chamonix-Mont-Blanc tornano a guardare alla montagna, tra cultura e innovazione

28/02/2017

L'altro D'Azeglio e la Civiltà Cattolica

La bella storia del conte piemontese fratello degli esponenti liberali Roberto e del più famoso Massimo