Maestro dove abiti? La nuova Lettera Pastorale di Mons. Nosiglia

L'Arcivescovo ai giovani - Il fascicolo in distribuzione in Curia presso la reception della Curia metropolitana, in via Val della Torre 3 a Torino, dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 16 (tel. 011.51.56.300)e scaricabile sul sito della Diocesi di Torino

Parole chiave: lettera pastorale (1), giovani (197), chiesa (628), diocesi (135), torino (701)
Maestro dove abiti? La nuova Lettera Pastorale di Mons. Nosiglia

«Maestro, dove abiti?» (Gv 1,38) è il titolo della nuova Lettera Pastorale del nostro Arcivescovo, disponibile online sul sito diocesano dal pomeriggio del 7 settembre, nella versione cartacea dal 12 settembre presso la Curia Diocesana e in omaggio con il prossimo numero del giornale La Voce e il Tempo. Interamente dedicata alla pastorale giovanile, si rivolge agli educatori e direttamente a tutti i giovani della Diocesi di Torino. Articolata in tre capitoli, è ispirata dalla chiamata dei primi discepoli di Gesù, narrata dall'Evangelista Giovanni nel primo capitolo del suo Vangelo (Gv 1,35-42a).

Si tratta dell'«icona biblica» indicata da Papa Francesco per il prossimo Sinodo dei Vescovi sui giovani del 2018: è l’esperienza di Giovanni, l’apostolo, che nella lettura tradizionale del Quarto Vangelo è «sia la figura esemplare del giovane che sceglie di seguire Gesù, sia “il discepolo che Gesù amava” (Gv 13,23; 19,26; 21,7)» (cfr Documento preparatorio del Sinodo 2018).

Come scrive mons. Nosiglia nell'Introduzione, è innanzitutto sua intenzione sollecitare tutta l'Arcidiocesi a rinnovare un'attenzione particolare ai giovani, nell'orizzonte della Chiesa universale, in cammino verso il Sinodo dei Vescovi sui giovani, del prossimo ottobre 2018.

In secondo luogo, la Lettera Pastorale desidera offrire una restituzione essenziale e puntuale del lungo percorso iniziato con ilSinodo deiGiovanidel2012 echehavissuto nell'ultimaAssembleaDiocesana un momento di grande intensità e di forte sintesi. La Lettera assume anche gli incontri dell'Arcivescovo con gli adolescenti e i loro educatori dello scorso anno, quale restituzione grata e feconda a tutte le comunità.

Più in profondità, tuttavia, «Maestro, dove abiti?» rappresenta un testo volto a orientare - in linea con «Destare la vita» del 2015 - il cammino della Pastorale Giovanile dei prossimi anni, indicando, nei tre capitoli, tre priorità concrete: la comunità educante, coordinata da una cabina di regia; la formazioneallavitadifedenon disgiuntadalquelladelservizio allafede;unarinnovatamissionarietà nel raccordo tra pastorale di Oratorio e di territorio e negli ambienti di vita.

Non si tratta perciò di un «programma» da svolgere in un anno ma di uno stile da assumere con convinzione e gradualità, certi della presenza del Maestro che abita in mezzo noi.

Così recita la spiegazione della copertina della Lettera: «"Maestro, dove abiti?" (Gv 1,38): è la domanda che cambia la vita dei primi due discepoli, alle quattro di un pomeriggio che orienta per sempre la loro esistenza. Da allora una nuova luce, quella di Gesù Cristo, si irradia su ogni relazione, su ogni aspetto della vita dei due discepoli. Il Maestro diventa il centro di tutta la loro esistenza. Anche oggi la luce del Crocifisso Risorto penetra ogni aspetto dell'umano e lo rende segno della sua gloria. È la luce nuova che brilla all'orizzonte. Quando la si accoglie nulla è più come prima».

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

23/11/2017

Pensioni: il governo apre su giovani e donne

Trattative – il pacchetto di misure che sarà inserito nella legge di bilancio divide i sindacati

23/11/2017

Un vero letto per i primi profughi dal "Moi"

Occorrerà ancora molto tempo per sistemare tutti i rifugiati di via Giordano Bruno. Lunedì scorso la Chiesa torinese ha dato ospitalità a un primo gruppo di 53, altri 20 sono stati trasferiti in strutture convenzionate con la Prefettura. Premiato il metodo della collaborazione stretta fra Enti locali, Diocesi, Compagnia di San Paolo

23/11/2017

Carmagnola: città e borghi alla sfida dell'integrazione

Focus - Vocazione agricola e "Periferia urbana" sullo sfondo di una società sempre più multietnica. Intervista al Sindaco Ivana Gaveglio

23/11/2017

Residenze sabaude il tesoro del Piemonte (e del mondo)

Palazzi, ville, castelli, reggie di valore eccezionale che vent'anni fa, il 7 dicembre 1997, l'Unesco ha riconosciuto come patrimonio mondiale dell'umanità