Torino Città universitaria ma i giovani sono disoccupati

Si conclude il viaggio sul difficile rapporto tra la nostra città e l'occupazione 

Parole chiave: campus (6), università (69), torino (665), chiesa (591), società (47), lavoro (150), giovani (187)
Torino Città universitaria ma i giovani sono disoccupati

Nelle ultime due puntate di questa inchiesta abbiamo sostenuto l’esigenza di  investire sui giovani: un compito  che coinvolge numerosi soggetti  ciascuno secondo i propri ambiti di responsabilità Fra questi  assumono un ruolo  importante gli Atenei  soprattutto a Torino che aspira a consacrarsi Città Universitaria  di livello europeo. Tale  obiettivo figurava nel programma della giunta Fassino  e figura anche ai primi posti delle scelte strategiche della  Giunta Appendino.

Perché Torino possa fregiarsi di questo titolo e diventare a tutti gli effetti una Città dei giovani e per i giovani, bisogna che si verifichino alcune condizioni.

Prima di tutto la città  deve poter vantare la presenza di Atenei prestigiosi  e soprattutto attrattivi per giovani  provenienti da tutto il mondo. Stando agli ultimi dati, Torino soddisfa  questo requisito. Nell’arco di dieci anni la popolazione universitaria è cresciuta di 17 mila unità (+21,8%) proveniente quasi esclusivamente da fuori regione e dall’estero.

Nello stesso periodo a livello nazionale si è registrato un calo degli iscritti  dell’8%. Oggi la percentuale di studenti non piemontesi è salita in media al 30%, con  una punta del 54% nel Politecnico. Alla Statale di Milano e all’Università di Padova la quota di studenti provenienti da fuori regione si aggira attorno al 20%.  Oggi gli iscritti agli Atenei torinesi superano le 100 mila unità; gli iscritti al prima anno sono 26 mila e in costante crescita a differenza di quanto accade in molti altri Atenei che devono fare i conti con un calo delle iscrizioni.

Grazie al contributo di molti fattori, non ultimo la riscoperta delle bellezze della città che ha contribuito ad elevare la qualità della vita,   Torino   si scopre  più attrattiva da parte dei giovani  e grazie agli Atenei  ha ampliato nel corso degli anni il suo «respiro» internazionale. Negli ultimi 10 anni  i cittadini stranieri iscritti all’Università e al Politecnico sono cresciuti del 190% passando da 2600 a 7600  Oggi sono in media il 10% del totale degli iscritti  con una punta del 14% al Politecnico dove le principali comunità sono cinesi e iraniani  mentre all’Università  le comunità più numerose sono l’albanese e la rumena. Da notare che ci sono più di cento nazionalità differenti  iscritte agli atenei torinesi. Questi ultimi contribuiscono ad accrescere l’apertura internazionale di Torino anche attraverso altre modalità  quali:

 la mobilità degli studenti che nel 2016  ha coinvolto circa  1300  giovani in entrata e altrettanti in uscita  un migliaio di Accordi  con Atenei e Centri di ricerca  stranieri  e più recentemente anche con imprese che operano in settori  innovativi;  la presenza crescente di Visiting  Professor.

Una Città universitaria per essere veramente attrattiva  deve, prima di tutto,  formare una forza lavoro altamente qualificata, adatta  a svolgere mansioni differenziate e creative.  Per far questo i due Atenei devono produrre un’offerta formativa di pregio e capace  di adeguarsi  rapidamente alle nuove domande della società e del progresso tecnologico. Quella che offrono è molto ampia,  frutto  dei continui adattamenti  realizzati nel corso degli anni  e destinati  ad aumentare   per rispondere alle nuove sfide   portate dall’evoluzione delle tecnologie emergenti. Attualmente l’offerta  è  costituita  da  circa 200 corsi di cui 150 all’Università e da un numero consistente di Master, Corsi di dottorato e scuole di specializzazione.

Nel 2016 i laureati sono  poco meno di  20 mila, di cui un terzo al Politecnico. Una forza considerevole che gli Atenei si attrezzano  per aiutare ad inserirsi nel mondo del lavoro attraverso   principalmente gli uffici di Job Placement  divenuti nel corso degli anni  non solo promotori di migliaia di stage e di tirocini ma anche interlocutori diretti delle imprese nella scelta dei profili  di cui hanno bisogno. Secondo gli ultimi dati di Almalaurea riferiti al 2015 il 63,5% dei laureati magistrali   lavorava   ad un anno dalla Laurea; il 21%   era alla ricerca di un’occupazione;  il restante 10% stava ancora studiando. In una Città universitaria gli Atenei sono chiamati a contribuire allo sviluppo  socio-economico del territorio dando piena attuazione alla cosiddetta «terza missione», non meno importante, visti i tempi che corrono, della «prima» (la didattica) e della «seconda» (la ricerca). Con una forza lavoro costituita da 5.300 persone tra corpo docente e staff amministrativo ed un «esercito»  di giovani molti dei quali vivono in città o nel suo interland, gli Atenei  producono un indotto che contribuisce in misura non trascurabile alla produzione  di ricchezza nel territorio. Nel corso degli anni hanno anche contribuito con ingenti investimenti alla trasformazione di larghe porzioni  del territorio metropolitano  e continueranno a farlo  non appena si concretizzeranno  i progetti allo studio  o in fase di attuazione. Contribuiscono infine in misura significativa allo sviluppo tecnologico del tessuto produttivo mettendo in comune  professionalità e conoscenze.

Alla luce delle considerazioni svolte, possiamo affermare con una certa tranquillità che, grazie agli investimenti degli Atenei, Torino è diventata una Città universitaria   che aiuta  i giovani   a  crescere, formarsi e trovare un lavoro? La risposta è positiva  a patto  che si verifichino alcune condizioni: il Paese deve tornare ad investire nella sua Università. Negli ultimi anni  c’è stato un drastico taglio del finanziamento pubblico a differenza di quanto avviene negli altri Paesi che continuano ad accrescere la propria formazione superiore; l’avere studenti internazionali, in sé, non è sufficiente. Spesso, infatti, non si crea una vera integrazione tra studenti nazionali e stranieri né dentro né fuori dal contesto didattico. La presenza di studenti stranieri si rileverà significativa solo se saranno incentivate forme di apprendimento cooperativo che mettano concretamente in contatto persone di diverse lingue e nazionalità, in una prospettiva di sviluppo di competenze interculturali;  nonostante  gli sforzi che gli Atenei  stanno compiendo per  aiutare i laureati a trovare lavoro  il tasso di disoccupazione giovanile  soprattutto a Torino , è ancora molto alto e coinvolge un numero crescente di laureati  ai quali sono offerte occupazioni sempre più precarie e sempre meno dignitose. Per ovviare a questo stato di cose è sempre più urgente fare squadra coinvolgendo tutti i soggetti che sono l’anima della città universitaria. Il patto recentemente sottoscritto  tra la Regione e la Conferenza episcopale piemontese  sugli sbocchi occupazionali dei giovani è un esempio da imitare. Gli Atenei da parte loro dovrebbero continuare a seguire i giovani dopo la laurea creando una sorta di ponte, un legame continuo di reciproco aiuto.  Occorre trovare urgentemente soluzioni condivise al problema degli spazi  che assilla entrambi gli Atenei  per offrire  servizi migliori agli studenti iscritti e consentire anche a quelli  che sono fuori  di avere  uguali possibilità di accedere ai corsi universitari. Ciò consentirà di accrescere in prospettiva il numero dei laureati: un parametro che ci vede all’ultimo posto fra i 28 paesi che aderiscono all’Unione Europea.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

22/09/2017

Ius Soli un diritto: italiani si diventa

Dibattito - Il cardinale Bassetti, presidente della Cei: "La legge non può finire su un binario morto. È una questione di integrazione" 

22/09/2017

Il tema del G7 è il lavoro, ecco perché è bene ricordarlo

I temi e i contenuti di un appuntamento che dovrebbe andare molto oltre le scelte e le polemiche politiche e la contingenza della tattica dei partiti

21/09/2017

"Consumare le ginocchia" alla Due giorni del Clero mons. Sigismondi

Intervista all'Assistente Centrale di Azione Cattolica che porterà la sua testimonianza all'incontro del 28 settembre

21/09/2017

G7, a Venaria il Summit sul lavoro. A Mirafiori una crisi lunga 30 anni

Oltre le polemiche e le contingenze il tema del lavoro, oggetto di discussione tra i Grandi,  è fondamentale per capire il nostro futuo